Psicologia e assistenza comunale

Psicologia e assistenza alle attività intestinali

Psicologia e assistenza alle attività intestinali

linedividerSanity, soundness, and sincerity, of which gleams and strains can still be found in the human brain under powerful microscopes, flourish only in a culture of clarification, which is now becoming harder and harder to detect with the naked eye.
James Thurber

Nella leggenda del labirinto può essere ravvisata la rappresentazione di una nascita anale; i corridoi aggrovogliati sono l’intestino, il filo di Arianna il cordone ombelicale.
Sigmund Freud

Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
Sigmund Freud

Una sana e serena giornata di merda!

Nell’avvenire che ci aspetta è in gioco il senso della nostra vita; non sappiamo chi siamo, se ignoriamo ciò che saremo; dobbiamo riconoscerci in quel vecchio, in quella vecchia; è necessario, se vogliamo assumere nella sua totalità la nostra condizione umana.
Simon de Beauvoir

Tu ora calpesti gli altri e non sai che presto verrai calpestato.
Francesco Petrarca

Le travail éloigne de nous trois grand mots: l’ennui, le vice et le besoin. Il faut cultiver son jardin.
Voltaire

Brescia. Anno di merda, oh, pardon, anno del Signore 2015. Giovedi 28 Agosto. Oggi è stata proprio una giornata fortunata, per la borsa in primis e oserei dire gradevole nell’insieme anche per tutto il resto. Tuttavia mia madre che è invalida e non sempre avverte lo stimolo per defecare, purtroppo si è sporcata parecchio, pannolino, calzoncini corti, sedere e zone intime anteriori, e ho dovuto lavorare circa un’ora per riportare il tutto ad una normalità pulita e profumata. Ma comunque sono stato sereno, anche perché con questo governo come si fa a non stare sereni e non ho nemmeno bestemmiato, cosa che di solito mi consola e mi conforta non poco quando svolgo questo tipo di lavori, e lo stesso vale naturalmente anche per quelli più liquidi, visto che da 28 giorni la mia badante è in ferie, poverina, ha preso giusto un mese, perché è straniera e deve ritornare per un po’ nella sua terra d’origine, o no? Dicevo quindi che ho svolto tutte le mie incombenze con il massimo della professionalità e della tranquillità d’animo e questo soprattutto grazie agli incontri che gli assistenti sociali e gli psicologi del comunque hanno organizzato per i cittadini che hanno a che fare con malati di demenza senile dall’assessorato alla Famiglia, alla persona e ai servizi sociali di una ridente città del nord Italia, o se preferite della Lombardia. E’ un’iniziativa lodevole e di grande rilevanza umanitaria, infatti c’è una profonda differenza nell’affrontare una malattia nella solitudine di quattro mura e l’affrontare queste malattie e i disagi conseguenti nella condivisione di un gruppo, magari guidati da un sapiente psicologo, meglio se i professionisti sono anche di più. Da considerare poi che è un vero e proprio strazio, oltre che una più che cristiana via crucis, vedere i propri cari che perdono progressivamente il controllo della loro mente e quindi anche dei loro sfinteri, soprattutto se si affrontano le varie problematiche da soli, nella vana consapevolezza che l’amore che proviamo per loro possa essere abbastanza a sorreggere i nostri gesti e le nostre energie. Ovviamente io non ci sono mai andato e Dio, anche se non sono credente, me ne scampi e liberi, ma comunque il solo fatto di pensare a questi poveri imbecilli, e ai loro amministratori, che per guadagnare un po’ di soldi, in alcuni casi pochi, in altri molti di più, si spremono fino all’osso per andare incontro ai propri simili e conterranei. In conclusione dunque, ho veramente passato una giornata all’insegna di un incredibile buon umore. Un unico consiglio che mi sentirei umilmente di indirizzare a questi veri filantropi dell’umanità è questo: fate dei corsi per insegnare a gestire la merda, non la vostra naturalmente, che del resto si identifica con la vostra essenza, ma quella delle persone che hanno poca salute, magari preoccupatevi di istruire delle badanti e di riuscire anche a fornirle agli utenti, in maniera rapida, efficiente ed efficace, non dico senza pagare perché questo sarebbe veramante un crimine per la società, i comuni di questi tempi hanno infatti già così tante spese, soprattutto per aiutare i vari profughi e clandestini, a proposito organizate dei corsi anche per loro, la merda è un argomento sensibile e molto richiesto in tutti i paesi, e saperla gestire al meglio può sempre tornare utile, perché si sa, aiutati che il ciel t’aiuta. Ovviamente prima di tenere il corso fate magari anche un po’ di pratica che fa sempre bene, anche se qualcheduno pensa che non ci sia una miglior pratica che una buona teoria, questo discorso per la merda non vale più di tanto. Veramente un’ultima cosa, inviterei tutti, e non solo ovviamente gli psicologi, gli assistenti sociali, i politici ed i burocrati di tutta Italia, ma non solo, infatti questi argomenti sono di una rinomata pubblica utilità per tutti, ad approfondire l’argomento e a tal proposito riporto un testo a cui sono da sempre molto affezionato, è pur vero che è in inglese, ma visto l’elevato livello culturale del nostro paese non ci dovrebbero essere problemi.

Devoted to all those souls who think they are in a lot of shit or deep shit, for some reasons or another!

Abstract: And remember, once you know your shit, you don’t need to know anything else.

Consider this:

You can be shit faced, be shit out of luck or have shit for brains. With a little effort you can get your shit together, find a place for your shit or decide to shit or get off the pot. You can smoke shit, buy shit, sell shit, lose shit, find shit, forget shit, and tell others to eat shit and die. You can shit or go blind, have a shit fit or just shit your life away. People can be shit headed, shit brained, shit blinded, and shit over or shit on. Some people know their shit, while others can’t tell the difference between shit and shineola. There are lucky shits, dumb shits, crazy shits, and sweet shits. There is bullshit, and horse shit and chicken shit. You can throw shit, sling shit, catch shit, or duck when the shit hits the fan. You can take a shit, give a shit, or serve shit on a shingle. You can find yourself in deep shit, or be happier than a pig in shit. Some days are colder than shit, some days are hotter than shit, and some days are just plain shitty. Some music sounds like shit, things can look like shit, and there are times when you feel like shit. You can have too much shit, not enough shit, the right shit, the wrong shit or a lot of weird shit. You can carry shit, have a mountain of shit, or find yourself up shit creek without a paddle. Sometimes you really need this shit and sometimes you don’t want any shit at all. Sometimes everything you touch turns to shit. You swim in a lake of shit and come out smelling like a rose. You can be faster than shit, or slower than shit. Sometimes you’ll find shit on a stick, sometimes you’ll find shit everywhere, and then there are times you can’t find shit at all. You can slice shit, spread shit, dunk shit or jump shit, and some people just can’t cut the shit. When you stop to consider all the facts, SHIT is the basic building block of creation. This means the universe did not begin with a BIG BANG, but rather a BIG DUMP. Keep that in mind the next time you flush the toilet. And remember, once you know your shit, you don’t need to know anything else.

A genial anonymous writer

Find out more reading here:  www.aforismicelebri.com

(Visited 11 times, 1 visits today)

About Carl William Brown

I'm Carl William Brown a holistic teacher, webmaster, trader, and a writer of aphorisms and essays. I have written more than 9,000 original quotations and at present I'm working at my only novel, Fort Attack, which is also a wide and open blog project. I have done a lot of other things as well, both in business, educational, sport and social fields and in 1997 I founded the Daimon Club Organization to promote literature, culture and creativity.
Bookmark the permalink.

Comments are closed.