Alla velocità della fibra … quinto e speriamo ultimo episodio.

Call Center Girl in Italy

Call Center Girl in Italy

Prostituzione, Germania capitale mondiale del sesso. Scassaminchie, Italia leader mondiale delle offerte telefoniche veicolate attraverso tutti i rompicoglioni che in un modo o nell’altro hanno a che fare con tutte le teste di cazzo che orbitano nell’infimo universo dei call centers.
Carl William Brown

senza fare il riassunto degli episodi precedenti, anche perché viceversa magari non li leggereste, siamo arrivati circa al 15 novembre del 2016 e ancora la mia nuova linea Fibra di Tim non è stata attivata. Decido allora di richiamare il centro assistenza tecnico dei clienti fibra e di chiedere spiegazioni. Al telefono mi rispondono subito, ma con la stessa celerità mi informano che dovrei chiamare il numero commerciale dell’azienda, anzi mi dicono, onde evitarle un ulteriore disagio e spreco di tempo, lo contatteremo noi per lei. Sgradevolmente incuriosito per questa nuova inaspettata esigenza, cerco di stare calmo e tranquillo e chiamo io stesso la sezione commerciale attraverso il mitico call center del 187. Scopro così, meraviglia delle meraviglie, che il mio ordine è stato revocato, in quanto sono passati più di 15 giorni senza che fosse confermata l’attivazione della nuova linea, non importa un fico secco se il mio telefono non funzionava e non era stato nemmeno riparato per un mese, l’ordine andava nuovamente formulato ed inoltrato. Ma non è tutto, non conta niente che io avessi già ricevuto il modem fibra e i due cordless, dovrò riceverne uno nuovo collegato per forza al nuovo ordine e restituire quelli vecchi, sempre che non voglia pagare il tutto. Unico fatto positivo della vicenda, la nuova linea mi garantirà 50 megabit in donwload e non più solo trenta come prima. Ulteriore novità, questa volta dovrà per forza venire un tecnico a casa per poter attivare la fatidica fibra, in quanto quella del modem autoinstallante era solo una bufala, un mero espediente commerciale per vendere più in fretta il servizio, e questo mi costerà ancora una cinquantina di euro più iva, in quanto sono già un affezionato cliente della società, se invece fossi un nuovo adepto, allora in questo caso l’installazione sarebbe gratuita. Mi fissano l’appuntamento entro una decina di giorni e, per farla breve, alla fine il tecnico arriva, guarda l’impianto, scollega una presa secondaria e poi di corsa va alla centralina e mi attiva la tanto agognata fibra, infine ritorna a casa, controlla il tutto, e voilà il gioco è fatto, dopo solo un paio di mesi ho la mia nuova connessione veloce, e avendo solo dovuto stare un mese senza linea voce, fare due ordini, pagare due modem, fare decine e decine di chiamate al 187 e infine pagare pure il tecnico. Comunque tutto è bene, ciò che finisce bene, ed ora mi trovo per soli 50 euro ad avere la prestigiosa Fibra di Tim a 50 mega, nel frattempo Infostrada offre lo stesso servizio a molto meno, ma questo è un altro discorso. Passa il vecchio anno e con il 2017 scopro che il 25 per cento di Telecom è in mano ai francesi di Vivendi che ora stanno cercando di scalare anche Mediaset: benissimo, speriamo solo che la grandezza ed il liberismo di Napoleone e del suo codice non siano solo un triste ricordo.
Carl William Brown

P.S. Nel frattempo, da quando il telefono funziona, continuo a ricevere chiamate da svariati numeri, naturalmente riferibili a non meglio identificati call centers dislocati sul territorio o magari anche all’estero, e a questo proposito, visto che la cosa dimostra l’assoluta imbecillità, inutilità e dannosità di certe aziende e quindi anche di certi lavori succubi e schiavi di una merdosa, aggressiva ed inconcludente attività di marketing, devo con piacere sottolineare la mia strategia per ripararmi e difendermi da tutto questo marciume che caratterizza la nostra penosa Italia, quindi in pratica adotto questa strategia: i due cordless Tim sono spenti e non sono situati sulla propria base, e comunque anche quando sono accesi hanno le suonerie disattivate, l’altro telefono con segreteria, ha anch’esso la suoneria disattivata, i numeri dei vari disturbatori di professione sono bloccati e per tutti gli altri risponde la segreteria con la mitica voce del grande ed indimenticato Funari che recita come di seguito: “Sono momentaneamente assente, risponde la socera acustica; io sono assiso in der posto, quando esco, se la cosa è piccola vi richiamo subito, se la cosa è grossa, vi farò sapere. Je la famo, daje!”, non aggiunge poi di andare a fanculo, e per questo la gentile espressione la pongo io adesso alla fine di questo ennesimo post che rispecchia come al solito la miseria della nostra stupida società.

http://www.fortattack.com/telefono-fisso-managers-e-customer-care-allitaliana/ Introduzione ai vari episodi
http://www.daimonbloggers.com/alla-velocita-della-fibra-in-italia/ Primo Episodio
http://www.daimonbloggers.com/alla-velocita-della-fibra-secondo-episodio/ Secondo Episodio
http://www.daimonpress.com/disavventure-telefoniche-in-italia/ Terzo Episodio
http://www.fortattack.com/alla-velocita-della-fibra-quarto-episodio/ Quarto Episodio
http://www.fortattack.com/alla-velocita-della-fibra-quinto-e-speriamo-ultimo-episodio/ Quinto Episodio

Salva

(Visited 10 times, 1 visits today)

About Carl William Brown

I'm Carl William Brown a holistic teacher, a webmaster, a trader, and a writer of aphorisms and essays. I have written more than 9,000 original quotations and at present I'm also working at my only novel, Fort Attack, which is also a wide and open blog project. At the moment I'm teaching English in a secondary school, but up to now I have done a lot of other things as well, both in business, educational, sport and social fields. Some years ago, in 1997 following the examples of the Rotary or the Lyons Clubs I founded the Daimon Club Organization to promote every sort of activities, creativity, art, literature, new technologies, informatics, business and marketing, public health and education and to meet new friends with these kind of interests.
Tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.